Lo Scugnizzo che sfida la Pizza Napoletana

Uno Scugnizzo è, a Napoli, un “monello”, un ragazzo astuto, intelligente, vivace, che si adatta facilmente a situazioni nuove. Un po’ come lo ScugnizzoNapoletano, l’eccezionale forno da pizzeria dell’azienda Izzo di Napoli. Di seguito vi spiegheremo perché è così speciale

Tecnologicamente innovativo, elettrico, efficiente, sostenibile, leggero, indistruttibile, veloce, in una parola rivoluzionario, ScugnizzoNapoletano ha rotto il tabù incrollabile del forno a legna. La Verace Napoletana, cotta secondo le regole in un forno di tipo tradizionale, adesso si può cuocere anche in un forno elettrico. Infatti, è l’unico forno ad avere la certificazione dall’AVPN (Associazione Verace Pizza Napoletana) perché è il primo in grado di riprodurre le fonti di calore necessarie alla cottura della pizza secondo il famoso disciplinare. ScugnizzoNapoletano è in grado di raggiungere in due ore una temperatura di 460°C e di mantenerla costante anche a bocca aperta. Il risultato è una pizza pronta in 60 secondi, mantenendo la morbidezza dell’impasto e la fragranza.

Questo gioiello tecnologico nasce da un’idea dell’ingegnere Giuseppe Krauss ed è finalizzato ad ottenere una “pizza perfetta”. Dietro ad un magnifico frontale in rame lavorato a mano si nasconde un cuore di raffinata tecnologia che custodisce la migliore tradizione partenopea, un forno che lavora ad una temperatura media tra i 430 e 480° che garantisce una distribuzione del calore omogenea grazie al suolo di cottura in “biscotto di Sorrento”. Questa particolarissima pietra è un impasto artigianale poroso (l’aria è anch’essa un isolante) composto da argilla e sabbia vulcanica. La sua particolarità è quella di trattenere le alte temperature e rilasciare calore in maniera costante e uniforme su tutta la base del forno. Oltre questo, lo Scugnizzo utilizza al 33% energia rinnovabile, non presenta sostanze nocive inquinanti o residui di fuliggini.

Sergio Russo, pizza chef della pizzeria Da Clara, Tre Spicchi per Gambero Rosso e titolare di Verace Elettrica a Milazzo, è stato il primo in Sicilia ad utilizzarlo. Sullo ScugnizzoNapoletano Sergio non ha dubbi: “La cottura è omogenea, il forno riesce ad asciugare l’umidità grazie ad una cappa esterna; si possono cuocere da sei a nove pizze contemporaneamente in circa un minuto; è bello esteticamente e le sue ruote piroettanti ne facilitano lo spostamento. Inoltre, non ha gli svantaggi legati all’utilizzo della legna, come la pulizia, la presenza di fuliggine, pur mantenendo un gusto non difforme da una pizza cotta in forno a legna”.

Scugnizzo Napoletano srl

Sede operativa:

Via Vincenzo de Giaxa 12/B

Napoli

Sede legale:

Via Tommaso Caravita 29

Napoli

scugnizzonapoletano.eu

Total
1
Shares
Articolo Precedente

Il caveau delle meraviglie di Ispica: il lusso naturale

Articolo successivo

MoleCola, la Cola dal cuore italiano che ama la sostenibilità

Post correlati