MoleCola, la Cola dal cuore italiano che ama la sostenibilità

La Cola è l’esempio perfetto di un prodotto moderno e social. Colorata, social, giovane, è un prodotto che – da quando esiste – tutti amano. Fa pensare alla libertà, all’armonia di un design contemporaneo, al superamento delle barriere, un po’ agli USA e al “Sign of Good Taste”, il gusto squisito di una bevanda “deliziosa e rinfrescante”. Tanto da poter piacere persino a Babbo Natale.

E se tutto questo fosse 100% “Made in Italy”?

Seguiteci. Mettiamo che nel 2012, due idealisti – Graziano Scaglia e Francesco Bianco, fondatori del primo slow-fast-food italiano, l’agrihamburgheria “MBun” – abbiano preso spunto da un libro di ricette piemontesi del 1854 e che a queste abbiano combinato l’esperienza del maggiore aromatiere italiano, il toscano Enrico Giotti, un assoluto esperto in tema di aromi naturali e di tecnologie innovative per la loro estrazione; mettiamo che per la dolcificazione di questa bevanda si utilizzi zucchero di barbabietola certificato 100% italiano, emiliano e veneto, ai cui agricoltori è pagato un prezzo equo garantito dalla azienda Italia Zuccheri; mettiamo che questa bevanda sia prodotta totalmente in Italia, con acqua minerale naturale, le lattine nel paese di Fidenza (PR) e le bottiglie in vetro a Ormea (CN); mettiamo che, la “italianità” di tutto questo sia garantita dal marchio Italcheck, un organismo senza scopo di lucro che si occupa della tutela del Made in Italy e che garantisce l’italianità dei prodotti, tutelando il consumatore da falsificazioni e dalla minaccia del più subdolo “Italian sounding”.

Ed ecco la MoleCola, un prodotto unico, 100% italiano, risultato della collaborazione di varie realtà italiane che condividono gli stessi valori. Affascinante il gioco di parole: “molecola”, creata dalla associazione di parole “Cola” e “Mole”, allude per quest’ultima alla “Mole” Antonelliana di Torino (e il logo ne riprende la silhouette); Di Molecola, oggi, ce ne sono quattro:

La Classica: questa versione “originale” è proposta in una elegante, unica per design, bottiglia in vetro da 330 cl. o da 750 cl.. È interamente riciclabile ed è la migliore scelta per mantenere intatti gusto e gasatura. Oltre queste, c’è la lattina da 330 nel formato “sleek can”. Shelf-life: 24 mesi.

 

Nera – Senza Zucchero: è la versione senza zuccheri aggiunti e senza aspartame. Qui l’edulcorante è il sucralosio, un derivato del saccarosio, che ha l’effetto di limitare la risposta glicemica. Shelf-life: 18 mesi. I formati, vetro da 330 cl. o da 750 cl., e lattina da 330 cl.

Senza Caffeina: dall’etichetta rossa e verde, è la versione senza caffeina, appena meno gasata, adatta a tutta la famiglia, mamme e piccini inclusi. I formati sono bottiglia vetro da 330 cl. o da 750 cl., mentre la lattina è più piccola, quella da 250 cl. Shelf-life: 24 mesi.

Biologica Fairtrade: questa Cola nasce dalla collaborazione con Altromercato, la principale realtà di Commercio Equo e Solidale in Italia. Il suo gusto è deciso ed esotico, frutto della selezione di materie prime biologiche naturali e da una speciale, fresca speziatura. Il formato è unico, la bottiglia in vetro da 330 cl. Shelf-life: 24 mesi.

Note importanti

Nel 2018 la bottiglia in vetro, progettata da Curve Creative Studio, ha vinto due Gold Awards all’IDA International Design Awards, il concorso di design con sede a Los Angeles, nella categoria Product Design. Il suo nome è “90-60-90” poiché le forme evocano le curve delle dive anni ’50 e i dettagli della lavorazione del vetro si ispirano al mondo della sartoria italiana.

Molecola è un prodotto sostenibile, oltre che buono, che nel 2019 ha totalmente abbandonato la plastica per amore verso l’ambiente (e verso i consumatori). Inoltre, a vantaggio del vetro, si consideri che questo è chimicamente inerte, che non rilascia cessioni a contatto con alimenti e bevande lasciando inalterato il gusto; garantisce massima sicurezza per la conservazione; può essere riciclato al 100% infinite volte.

Molecola sostiene Renken Onlus un’associazione italiana impegnata in un progetto per l’educazione, la formazione e la tutela dei bambini del Senegal.

 

Pierangelo Chifari della pizzeria Archestrato di Gela, uno tra i primi sostenitori di Molecola in Sicilia.

Total
1
Shares
Articolo Precedente

Lo Scugnizzo che sfida la Pizza Napoletana

Articolo successivo
la famiglia Sorce della pizzeria Sitari

Sitàri, la pizzeria della Valle dei Templi di Agrigento

Post correlati